Ieri in Assemblea sono nuovamente intervenuta sul tema delle “liste di attesa”, una delle criticità irrisolte della nostra Sanità regionale.
La stampa spesso riporta casi allucinanti, come i 600 giorni per una mammografia, disponibile a pagamento 3 giorni dopo.

Sono la prima a sostenere che il tema troppo serio per lasciarlo alla propaganda politica o la polemica strumentale, però va affrontato al più presto!
Ho depositato una mozione (maggio 2016) e una proposta di legge (luglio 2018) con specifici suggerimenti per la riduzione delle liste di attesa in Umbria, senza contare numerose proposte avanzate in questi tre anni.

Vengano messe in discussione senza ulteriori ritardi e si risolva il problema con misure sistematiche e serie.
La Salute è un diritto costituzionalmente garantito e la sanità privata deve essere una scelta e non un obbligo.
Per fare in modo che questo diritto sia effettivo dobbiamo proteggere il sistema sanitario pubblico. 

 

LISTE DI ATTESA. SI DISCUTANO LE NOSTRE MOZIONI, PROPOSTE E DISEGNI DI LEGGE

LISTE DI ATTESA. SI DISCUTANO LE NOSTRE MOZIONI, PROPOSTE E DISEGNI DI LEGGEIeri in Assemblea sono nuovamente intervenuta sul tema delle “liste di attesa”, una delle criticità irrisolte della nostra Sanità regionale.La stampa spesso riporta casi allucinanti, come i 600 giorni per una mammografia, disponibile a pagamento 3 giorni dopo. Sono la prima a sostenere che il tema troppo serio per lasciarlo alla propaganda politica o la polemica strumentale, però va affrontato al più presto!Ho depositato una mozione (maggio 2016) e una proposta di legge (luglio 2018) con specifici suggerimenti per la riduzione delle liste di attesa in Umbria, senza contare numerose proposte avanzate in questi tre anni. Vengano messe in discussione senza ulteriori ritardi e si risolva il problema con misure sistematiche e serie.La Salute è un diritto costituzionalmente garantito e la sanità privata deve essere una scelta e non un obbligo. Per fare in modo che questo diritto sia effettivo dobbiamo proteggere il sistema sanitario pubblico.

Publicada por Maria Grazia Carbonari en Miércoles, 24 de octubre de 2018